Assoluti: altri 4 titoli ai laziali. Visca, nuovo record

28 Luglio 2019

Chiusura dei tricolori. Super giavellotto: per la finanziera nuova MPI U20, 58,47. Vittoria anche per Malavisi nell’asta, Cerro nel triplo e Abdelwahed nei 3000 siepi


 

di Lorenzo Bufalino

Si sono conclusi i campionati Italiani assoluti di Bressanone con gli atleti laziali capaci di vincere 9 titoli. Nell’ultima giornata tra le migliori sicuramente c’è stata Carolina Visca che nel giavellotto vince il suo primo titolo assoluto lanciando il nuovo record under 20 con 58,47. Vittoria nell’asta per Sonia Malavisi con 4,36 davanti all’altra laziale Roberta Bruni. Nel triplo altri due laziali sul podio con la medaglia d’oro vinta da Samuele Cerro e il bronzo al collo di Cavazzani. Super Ahmed Abdelwahed nelle siepi che sfiora il minimo per Doha, correndo in poco più di 2 secondi sullo standard. Secondo invece Simone Falloni nel martello, tornato dopo il brutto stop per infortunio sopra i 72 metri. Medaglia di argento per la ACSI Campidoglio Palatino nella staffetta 4x400 con Tardito, Rossi, Manfredi e Iachini.

RISULTATI - FOTO/Photos (credits: Giancarlo Colombo/FIDAL) - TUTTE LE NOTIZIE/News - I CAMPIONI ITALIANI 2018

VISCA DA RECORD — Dopo una settimana dal titolo Europeo vinto a Boras, Carolina Visca (Fiamme Gialle) continua a festeggiare. Oggi a Bressanone l’atleta romana vince il primo titolo assoluto della carriera.

Il suo giavellotto ha squarciato il cielo nuvoloso della Raiffassen Arena, fino ad atterrare a 58,47, nuovo record Italiano under 20.

VIDEO | VISCA BATTE SE STESSA: "DEDICATO A MIA NONNA CHE È VENUTA MANCARE"

ABDELWAHED SUPER — Poteva essere ancor di più una gara splendida quella di Ahmed Abdelwahed (Fiamme Gialle), che non solo poteva vincere il titolo ma poteva correre anche il minimo per i mondiali di Doha (8:29.00). Per l’ostiense grande gara con una volata imperiosa nell’ultimo giro con cui ha vinto il titolo assoluto con il tempo di 8:31.56.

MALAVISI VS BRUNI — Nella lotteria del salto con l’asta, questa volta nel duello tra Sonia Malavisi (Fiamme Gialle) e Roberta Bruni (Carabinieri), l’ha spuntata la finanziera. Entrata a quota 4,10 dove sbaglia per due volte, la romana poi passa a 4,26 dopo il salto passato da Bruni. Bruni salta 4,31 alla seconda, rifiuta i 4,36 che Malavisi salta e che gli portano anche la medaglia d’oro. Tre buoni tentativi per Bruni a 4,41, ma si deve accontentare dell’argento.

CERRO ALL’ULTIMO SALTO — Nella gara di salto triplo Samuele Cerro (Enterprise) si prende il primo titolo assoluto della carriera. Il ragazzo di Pontecorvo, proprio all’ultima possibilità, dopo che era in sesta posizione, riesce ad eseguire un hop-step-jump da 16,52 con cui mette tutta la concorrenza dietro.

Daniele Cavazzani (Studentesca Milardi), deluso dalla prestazione, è terzo con 16,39 mentre Simone Forte (Fiamme Gialle) è quarto.

IL RITORNO DI FALLONI — Una medaglia di argento importante per Simone Falloni (Aereonautica), dopo il brutto infortunio che l’ha coinvolto da circa 4 mesi. Il martellista allenato da Nicola Vizzoni, ci mette un po' a entrare in gara, come del resto tutti. Negli ultimi lanci si scatena la situazione con il quinto lancio dove gli atleti più quotati, lanciano le loro migliori prestazioni. Per Falloni il secondo posto arriva con la buona misura di 72,32.

RE TERZO — Nella finale dei 200 orfana di Andrew Howe, il primatista Italiano dei 400 Davide Re (Fiamme Gialle), non riesce a difendere il titolo vinto lo scorso anno a Pescara. Buona giornata per l’atleta allenato da Maria Chiara Milardi a Rieti, che nelle batterie corre il personale con 20.90 e in finale recupera bene per il podio, arrivato con 21.02.

CAMPIDOGLIO SFIORA L’IMPRESA — Nella staffetta 4x400 maschile che andava quasi a chiudere il campionato, la 4x400 della ACSI Campidoglio Palatino composta da Fabio Tardito,Francesco Rossi,Thomas Manfredi e Matteo Iachini, sfiora l’impresa arrivando seconda a poco dal titolo vinto dalle Fiamme Gialle. Il tempo dei romani è di 3:11.90 contro il 3:11.15 dei finanzieri che avevano in ultima frazione Matteo Galvan.

I FINALISTI — Nelle altre finali diversi quarti posti per gli atleti laziali, a partire dalla giovane Chiara Gherardi (Studentesca Milardi). La velocista romana è arrivata a solo un centesimo dal podio nei 200 metri con il tempo di 23.78. Ottava invece l’altra atleta della Studentesca, Alessia Tirnetta. Nel salto con l’asta brutta giornata per uno dei favoriti, il laziale Alessandro Sinno (Aereonautica). L’atleta allenato da Manuel Margesin stecca alla misura di entrata di 4,95. Quarto arriva Ivan De Angelis (Fiamme Gialle) con 5,05, stessa misura del secondo e del terzo, ma per il romano pesano gli errori alle altre quote. Nel mezzofondo gare tattiche nei 1500 con Mohad Abdikadar (Aereonautica) che nel finale si fa rimontare per il podio ed arriva così quinto. Nel getto del peso femminile bene Martina Carnevale (Studentesca Milardi) che sfiora il suo record personale con 15,60 lanciato all’ultima prova, con cui arriva quarta.

File allegati:
- RISULTATI E ISCRITTI
- http://www.fidal.it/content/Sottile-2-33-migliore-
- IL RACCONTO DEL DAY2 PER I LAZIALI

Ahmed Abdelwahed (Fiamme Gialle) | foto COLOMBO/FIDAL


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate