CdS Assoluti, prova regionale: day1

11 Maggio 2019

A Roma quasi 1000 atleti in gara. Si migliorano Lorenzo Simonelli e Chiara Gherardi, che centra il minimo per gli Europei di Boras. Domani seconda giornata. 


 

Prima di due giornate di un intenso weekend di atletica allo stadio Paolo Rosi. Oggi, sabato 11 maggio, e domani, domenica 12, l'impianto capitolino ha ospitato la prima prova regionale dei Campionati di Società Assoluti 2019. La Capitale è una delle 18 sedi in tutta Italia in cui parte la corsa allo scudetto assoluto, detenuto al maschile e al femminile dalla Studentesca Milardi Rieti. Numeri importanti in Italia e a Roma per l’evento che metterà in palio i titoli a Firenze il 15-16 giugno nella finale Oro, con la finale Argento prevista invece a Imola (BO), Bronzo a Orvieto (TR) e finale B a La Spezia. Al Rosi iscritti 1541 atleti gara, per un totale di 954 atleti. Domani, domenica 12 maggio, dalle 12.30, la seconda giornata. 

UOMINI – Nei 100 vince Davide Girotti (Fiamme Gialle Simoni) con 10.83 (+0.6) davanti a Lorenzo Ndele Simonelli (Esercito Sport&Giovani) che, grazie al 10.87 (+0.6), migliora il personale di 11.38 dello scorso anno. Terzo Mario Vigliotti (Atletica Roma Acquacetosa) con 10.91 (+0.6). Nei 110hs Mattia Di Panfilo (Atletica Futura Roma) primo in 14.50 (-1.1), migliorandosi di 4 centesimi. Nei 400 vince Matteo Iachini (ACSI Campidoglio Palatino) in 47.32; nei 1500 è Federico Riva a vincere per le Fiamme Gialle Simoni in 3:55.93. Nei 3000 siepi Luca Zanetti (Atletica Futura Roma) con 9:24.45 è primo e dà dieci secondi a Federico Nobili (Fiamme Gialle Simoni), che chiude in 9:34.40. Nella 4x100 il quartetto composto da Paolo Morseletto, Fabio Tardito, Francesco Rossi e Thomas Manfredi dell'ACSI Campidoglio Palatino si aggiudica la vittoria in 41.64. Nella marcia 10.000 Stefano Mansutti (Intesatletica) primeggia in 45:10.22 davanti a Matteo Piervincenzi (Studentesca Milardi Rieti), secondo in 52:20.29. 

Concorsi: nel triplo primo Daniele Cavazzani (Atletica Studentesca Milardi) con 15,95 (-1.4). Nell’asta vince Simone Andreini (Fiamme Gialle Simoni) con 5,00 e tre tentativi a 5,15.

Marco Zitelli (Atletica Futura Roma) è primo nel disco con un lancio di 48,09, più di otto metri sul secondo, lo junior Simone Piepoli (Esercito Sport & Giovani) con 40,36. Nel giavellotto il primo posto è di Giovanni Bellini (Studentesca Miladi Rieti) che lancia l'attrezzo 66,20.

DONNE – La primatista U20 dei 150, Chiara Gherardi (Studentesca Milardi Rieti), sui 100 è prima in 11.77 (+1.0): lima l’11.82 di Vicenza nel 2017 ed è al di sotto del minimo per gli Europei U20 di Boras (18-21 luglio). Nei 100hs vince Maria Stella Vacca (ACSI Campidoglio Palatino) con 15.13 (-0.09). Eloisa Coiro (Atl.Roma Acquacetosa-Fiamme Azzurre) fa suoi i 400 in 54.97. I 3000 sono appannaggio siepi di Esther Yeko Chekwemoi (ACSI Italia Atletica) in 10:37.05. ACSI Italia Atletica si prende la 4x100 in 46.99 con il quartetto formato da Francesca La Greca, Carolina Parente, Matilde Biella e Chiara Gala. Nella 5.000 di marcia, Alice Leonardi (ACSI Italia Atletica) prima con 26:33.62, davanti a Veronica De Paolis (Atletica Cassino) 26:43.26 e Diletta Casciotti (Studentesca Milardi Rieti), terza con 27:21.62.

Concorsi: nell’alto Maura Mannucci (Atletica Studentesca Milardi) fa 1,73, con tre errori a 1,75. Nel triplo, ACSI Italia Atletica pianta la sua bandiera grazie a Priscilla Carlini e il suo 12,10 (+0.7). Nel martello la compagna di squadra Cecilia Desideri lancia 52,83. Nel peso, Martina Carnevale (Studentesca Milardi Rieti), lancia 14,26 per il primo posto.

IL REGOLAMENTO - Confermato il regolamento della passata stagione e quindi le classifiche di società verranno stilate sommando 18 punteggi su 18 diverse gare del programma tecnico. Ogni club, nella fase di qualificazione, può prendere in considerazione per ciascun atleta i punteggi ottenuti in un massimo di due gare individuali più una staffetta, oppure di una gara individuale e due staffette. Come nelle edizioni più recenti della rassegna, gli atleti dei gruppi sportivi militari sono autorizzati a gareggiare per la società civile di provenienza. Per molti di loro, militari e non, sarà l’occasione per fare il proprio debutto nella stagione all’aperto o per tornare in gara dopo le prime uscite agonistiche.

di Christian Diociaiuti

File allegati:
- IL PROGRAMMA
- RISULTATI
- TUTTA ITALIA IN GARA


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate