Endurance Modena, Spalletta e Riva a medaglia

17 Ottobre 2020

Due bronzi nel Lazio con il portacolori di RCF Roma Sud nei 2000 siepi U18 e quello delle Fiamme Gialle Simoni nei 1500 U23. Domani spazio a marcia, 3000 e 5000

 

di Lorenzo Bufalino

Prima giornata di gare a Modena per l’edizione straordinaria dei campionati italiani di endurance, competizione riservata a tutte le categorie da allievi agli assoluti e che raggruppa tutte le distanze lunghe dell’atletica in questo anno martoriato dalla pandemia. Due medaglie di bronzo portate a casa grazie a un grande Valerio Spalletta nei 2000 siepi - col laziale che corre vicino al muro dei sei minuti - e a Federico Riva nei 1500 metri promesse uomini. Quarti posti per Luca Zanetti nelle siepi promesse dove arriva al personale e per Mario Roani nei 1500 metri allievi. Giornata no per l’attesa Livia Caldarini che arriva fuori dal podio nei 1500 metri promesse. Domani spazio a 3000 e 5000 metri oltre alla marcia. La seconda giornata, domenica, sempre in diretta su atletica.tv, vedrà impegnata anche Antonella Palmisano (Fiamme Gialle) oltre al marciatore U18, Diego Giampaolo e altri laziali. 

ISCRITTI E RISULTATI - FOTO (di Francesca Grana) - ORARIO (agg. 16 ottobre) - IL PERCORSO DELLA MARCIA - I CAMPIONI ENDURANCE 2019

SPALLETTA PROTAGONISTA – Nella gara dei 2000 siepi allievi tra i contendenti in partenza per una medaglia, c’era anche Valerio Spalletta (RCF Roma Sud). L’atleta allenato da Mauro Pascolini lo scorso anno arrivato quinto, si migliora con una grande gara andando a prendersi medaglia e personale. Subito a giocarsi le medaglie Spalletta con un passaggio sotto i 3’ al primo mille, poi un intoppo subito dopo nella riviera che non fa perdere di animo il ragazzo. Spalletta prontamente schizza via dall’acqua attaccato ai primi.

Grande poi il 500 finale col quale va a prendersi il podio con il tempo di 6:02.94.

RIVA LOTTA PER IL BRONZO – Al primo anno di categoria arriva il bronzo nei 1500 metri promesse per Federico Riva (Fiamme Gialle Simoni) che lotta nella prima serie insieme anche agli atleti in gara per il titolo assoluto. Gara non tiratissima e spazio per tutti, poi solita progressione davanti con Riva che resta attaccato agli inseguitori alla ricerca della medaglia di categoria. Sarà volata finale e bronzo promesse con il tempo di 3:51.90 che lo fa piazzare anche nono nella classifica assoluta.

BRONZO AD UN PASSO – È mancato veramente poco a Mario Roani (ASD Intesatletica) e Gabriele Pio Lacanna (Faratletica) per prendersi una meritata medaglia. Gara da protagonisti per i due laziali nei 1500 metri allievi, con Roani pronto a tirare le fila per evitare poi la volatona finale. Bravo Lacanna a mettersi in scia dei favoriti, tra i quali Roani che prova ad andarsene da solo. Il finale vede il pontino risucchiato dal gruppo e proprio sul finale rimontato per il bronzo. Arriverà quarto con 4:02.71 ad 11 centesimi dal terzo posto. Quinto - ed è una bella conferma - Gabriele Lacanna che chiude in 4:02.93.

ZANETTI CI PROVA – Una gara spezzata in due dai gemelli Zoghlami quella dei 3000 siepi. Nella prima serie i due gemelli palermitani partono a spron battuto con gli altri, compreso Luca Zanetti (Atletica Futura Roma) nel gruppo a controllare la gara promesse. 2600 metri di gara praticamente appaiati per le promesse con poi Luca Zanetti che non riesce a resistere al forcing nell’ultimo giro. Quarto posto per lui che chiude comunque con un ottimo personale migliorato di otto secondi e portato a 9:02.80. Nono tra le promesse Tito Marteddu (Fiamme Gialle Simoni).

1500 METRI DONNE – Nelle gare dei 1500 metri, disputate la mattina, non è arrivata per le ragazze una medaglia attesa come quella di Livia Caldarini (Studentesca Milardi). La campionessa italiana indoor cerca di imporre come sempre il proprio ritmo ma deve cedere al giro finale delle avversarie che stroncano i sogni di vittoria della Caldarini. Quinto posto per la portacolori del club reatino che chiude con 4:34.84. Bene invece Alessia Muciaccia (ACSI Italia Atletica) che dopo la delusione per una medaglia sfiorata negli 800, si rifà con un bel settimo posto con 4:39.17, pb per lei. Tra le grandi Camille Eugenie Chenaux (Athletica Vaticana) è sesta assoluta nei 1500 metri, con il bel crono di 4:23.90 che rappresenta il suo nuovo primato personale. Elisa Giuseppetti (ACSI Italia Atletica) si conferma tra le migliori della categoria promesse ed è sesta dopo la finale conquistata a Grosseto negli 800 metri.


File allegati:
- ISCRITTI E RISULTATI
- ORARIO AGGIORNATO
- IL RACCONTO DA FIDAL NAZIONALE

I 1500 al femminile | Foto Grana/FIDAL


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate