Bertone e Chevrier star in Valle d'Aosta

07 Dicembre 2017

Al Palaindoor di Aosta, nella festa dell’atletica regionale, celebrati la primatista mondiale W45 di maratona e il campione europeo di corsa in montagna


 

Tantissimi coloro che hanno voluto esserci alla Festa dell’Atletica Valdostana 2017, che si è tenuta mercoledì 6 dicembre. Grandi numeri e grande partecipazione, con giovanissimi, campioni e tanti appassionati, presenti nel modulo di atletica del Palaindoor di Aosta, allestito per l’occasione con sedie e tribunette occupate in ogni ordine per la festa, tornata ad essere a cadenza annuale. Due tavoli, posti al vertice dei due lati, per ospitare i tantissimi premi, ad incorniciare un mega schermo che ha garantito spazio e visibilità alle gesta di un movimento in grande fermento e certamente in buona salute. L’atletica valdostana si è presentata in grande spolvero per la prima visita ufficiale, in qualità di presidente dell’atletica nazionale, di Alfio Giomi, salito in Valle d’Aosta per questo sentito appuntamento e per fare il punto sugli impianti presenti sul territorio con un incontro con il sindaco di Aosta Fulvio Centoz e l’assessore con delega allo sport Carlo Marzi, specifico per andare verso la direzione del rinnovo del campo Tesolin di Aosta.

A fare gli onori di casa il presidente del Comitato regionale FIDAL Jean Dondeynaz, che nella sua relazione ha snocciolato i numeri di un movimento che conta 1600 tesserati e che negli ultimi anni ha potuto contare sulla crescita di belle eccellenze, oltre a un settore giovanile che, grazie al lavoro delle società e di un sempre più qualificato numero di tecnici, è sempre più in grado di avvicinare i giovani alla “regina degli sport”, facendoli crescere e plasmando le migliori individualità. “Cresce l’atletica valdostana - ha detto Dondeynaz - anche in veste di organizzazione di eventi di livello nazionale ed internazionale con appuntamenti proposti in più ambiti a cui si potrebbe aggiungere, magari a breve, anche una competizione di livello per il mondo del trail, ultima realtà entrata nella famiglia dell’atletica.

Ringraziamenti sono da riservare - ha proseguito il presidente FIDAL Valle d’Aosta - agli sponsor, realtà che in virtù del loro contributo aiutano l’intero movimento a crescere e a presentarsi con sempre più appeal verso le nuove generazioni”.

Tanti applausi e grande entusiasmo per festeggiare i campionissimi Catherine Bertone e Xavier Chevrier, primatista mondiale master W45 di maratona la prima e campione europeo di corsa in montagna il secondo, oltre alla bella carrellata di atleti che, nelle diverse discipline, hanno vestito la maglia azzurra. L’entusiasmo non è però venuto meno quando a ritirare il loro premio sono stati i più giovani, sostenuti da genitori e compagni di club.

Il presidente FIDAL Alfio Giomi ad Aosta ha scoperto, sono state le sue parole, “una città splendida in grado di proporre impianti di eccellenza, come il Palaindoor - che ha ospitato la premiazione - e l’attiguo campo Tesolin che ha grandi potenzialità, ma che merita un pronto rinnovamento. Una prospettiva - ha detto rivolto alla platea e alle autorità comunali presenti - che è meglio realizzare con tempestività, per non andare incontro a una certa maggiorazione dei costi”.

L’atletica valdostana brilla e si distingue e lo potrà fare ancora nel tempo se sarà essere supportata da impianti adeguati. Le due strutture principali per l’atletica all’aperto, Tesolin di Aosta e Crestella di Donnas sono ormai oltre il limite di un normale utilizzo, usurate nelle corsie e nelle pedane. Il rinnovo delle due strutture è certamente il più grande obiettivo per il movimento regionale.

Fulvio Assanti (FIDAL Valle d’Aosta)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- Il sito FIDAL Valle d'Aosta

Il presidente FIDAL Alfio Giomi con Xavier Chevrier e Catherine Bertone


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate