Le donne di Ancona: ecco le allieve più attese

13 Febbraio 2020

Le sfide femminili nella rassegna under 18 al coperto, il 15 e 16 febbraio: al via l’astista Nnachi, nel peso Benedetti e sui 60hs la tricolore del pentathlon Cuccù. DIRETTA STREAMING su atletica.tv


 

di Luca Cassai

Tante sfide di sicuro interesse al femminile nei Campionati italiani allievi indoor di Ancona, sabato 15 e domenica 16 febbraio. Nell’impianto del capoluogo marchigiano, in caccia dei titoli under 18, sono attese diverse atlete già salite alla ribalta nelle scorse stagioni. Sulla pedana dell’asta in gara la 15enne Great Nnachi (Cus Torino), due volte tricolore cadette, che un mese fa si è migliorata con 3,85 al debutto nella nuova categoria, per inserirsi al quarto posto di sempre nelle liste allieve al coperto. Proverà a sconfiggere la campionessa in carica Linda Donna (Fiamme Gialle Simoni, 3,75) ma la giovane piemontese è cresciuta anche nella velocità, con 7.71 sui 60 metri, e potrebbe essere al via in entrambe le competizioni. Sui 60 ostacoli vuole il secondo titolo stagionale l’atleta di casa Martina Cuccù (Team Atl. Marche), vincitrice nel pentathlon a Padova dove ha corso in 8.51 davanti alla tricolore dell’eptathlon all’aperto Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) che ad Ancona ha l’obiettivo di ripetersi nel triplo. Da seguire quindi la pesista romana Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Milardi), dopo il recente 16,14 outdoor con cui ha sfiorato il personale, in una gara che attende anche Anna Musci (Alteratletica Locorotondo), campionessa cadette e sorella dell’azzurrino Carmelo. LEGGI - LE SFIDE MASCHILI

DIRETTA STREAMING - Anche quest’anno sarà possibile seguire la manifestazione in diretta video streaming su atletica.tv nelle due giornate di gare, sabato 15 e domenica 16 febbraio, per vivere le sfide e le emozioni della rassegna giovanile.

SOCIAL NETWORK - Partecipate con noi al racconto dei Campionati italiani allievi indoor di Ancona seguendo gli aggiornamenti LIVE attraverso i nostri canali social Instagram: @atleticaitaliana, Twitter: @atleticaitalia e Facebook: www.facebook.com/fidal.it. Sostenete i vostri atleti preferiti, condividete foto e pensieri utilizzando gli hashtag #atletica #indoor2020.

ISCRITTI/Entries - ORARIO/Timetable - TUTTE LE NOTIZIE/News

SPRINT - Due piemontesi in testa alle graduatorie dell’anno nei 60 metri. Al nome di Gaya Bertello (Pol. Novatletica Chieri), quarta nella scorsa estate sui 100 outdoor e capofila con 7.67, si aggiunge quello dell’astista Great Nnachi (Cus Torino) che ha messo in mostra le sue doti anche nella velocità abbassando il personale da 7.93 fino a 7.71. Tra le pretendenti al podio, in base ai riscontri stagionali, altre due atlete classe 2004: Aurora Brugnoli (Fiamme Gialle Simoni, 7.74) e la bresciana Anna Maccagnola (Atl. Lonato, 7.76). Nei 200 metri la 15enne Makissia Bamba (Atl. Pianura Bergamasca) ha già corso in 25.44, due decimi in meno della pavese Sveva Temporin (Bracco Atletica), ma non vanno sottovalutate la romana Francesca Farina (Studentesca Rieti Milardi), annunciata anche sul doppio giro di pista indoor, e la campionessa dei 300 under 16 Nancy Demattè (Atl. Trento). Ha ormai trovato la sua dimensione nei 400 metri Alessia Seramondi (Atl.

Brescia 1950 Ispa Group), prodigio del lungo da cadetta e poi tricolore allieve dei 400 ostacoli, quasi da neofita della specialità. Se la vedrà soprattutto con Martina Canazza (Team Atletico-Mercurio Novara) e Federica Pansini (Studentesca Rieti Milardi).

OSTACOLI - In attesa di scendere in pista nei “suoi” ostacoli, Martina Cuccù (Team Atl. Marche) ha già vinto un titolo italiano: a Padova, nella rassegna di prove multiple, è partita da outsider nel pentathlon ma alla fine ha conquistato il successo con tre record personali, fra cui quello dei 60hs in 8.51. La marchigiana di Porto San Giorgio, azzurrina all’Eyof di Baku, è diventata così la sesta allieva italiana di sempre. Niente duello con la reggiana Sandra Milena Ferrari (La Fratellanza 1874 Modena), purtroppo bloccata da un infortunio, e allora le principali sfidanti saranno l’ex tricolore under 16 del lungo Anabel Vitale (Atl. Arcobaleno Savona, 8.75) e la bellunese Elena Nessenzia (Gs La Piave 2000) che ha corso in 8.76.

MEZZOFONDO E MARCIA - Molti scenari possibili nelle gare di mezzofondo. Sugli 800 è capolista Flavia Bianchi (Atl. Roma Acquacetosa) ma attenzione all’altra 2004 Breanna Federica Selley (Bracco Atletica), vincitrice del titolo sui 1000 cadette nella scorsa stagione, e a Laura Renna (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) che invece comanda il ranking nei 1500 metri, una gara in cui è attesa anche Serena Frolli (Team Atl. Marche), tricolore cadette nei 1200 siepi, in assenza di Melissa Fracassini (Atl. Arcs Cus Perugia) che ha trionfato l’anno scorso. Nella marcia, sulla distanza dei 3000 metri, esordio tra le under 18 di Giada Traina (Atl. Livorno) per allungare la striscia vincente iniziata con le due vittorie da cadetta. Ha già festeggiato un successo anche Alexandrina Mihai (Fondazione Bentegodi Verona), nei 5000 allieve su pista all’aperto, che quindi ha ambizioni di podio come Vittoria Di Dato (N. Atl. Varese).

SALTI - Una delle sfide più attese del weekend. Nell’asta c’è Great Nnachi (Cus Torino) che ha ripreso a salire: 3,85 in una delle sue prime gare da allieva sulla pedana indoor di Aosta, nella stessa città dove nel 2019 aveva firmato la migliore prestazione nazionale cadette con 3,80. Ma la 15enne, nata nel capoluogo piemontese da genitori nigeriani, non avrà la strada spianata verso il titolo perché è in crescita anche la tricolore della scorsa edizione Linda Donna (Fiamme Gialle Simoni) che ha saltato 3,75 nel mese di gennaio, decima allieva italiana alltime al coperto. È iscritta ma non sarà presente la campionessa outdoor Luce Barbi (Studentesca Rieti Milardi). Anche nel triplo difende il titolo Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta), in un probabile match con Francesca Orsatti (Cus Parma), ma la veneziana è leader stagionale pure nel lungo dove potrebbe trovare la tricolore cadette Marta Amani (Cus Pro Patria Milano), oltre ad Anabel Vitale (Atl. Arcobaleno Savona). Nell’alto l’atleta di riferimento è Gaia Pianigiani (Toscana Atl. Empoli Nissan) con 1,72 nell’ultimo weekend.

PESO - Alla prima gara dell’anno nel getto del peso Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Milardi) è arrivata subito vicinissima al personale: 16,14 outdoor allo stadio della Farnesina di Roma, appena undici centimetri in meno del suo record. Protagonista di una doppietta peso-disco ad Agropoli, nella rassegna tricolore all’aperto dell’anno scorso, la romana di Genzano è la logica favorita. Curiosità anche per vedere all’opera la 15enne Anna Musci (Alteratletica Locorotondo). Sulla pedana di Ancona, l’azzurrino Carmelo ha stabilito quest’anno il record italiano under 20 e ora tocca alla sorella, che al debutto tra le allieve si è già portata a 15,03 all’aperto, il 2 febbraio a Matera. In gara anche l’atleta classificata alle sue spalle nella rassegna tricolore cadette, Sofia Coppari (Atl. Fabriano), che ha lanciato 14,05 in avvio di stagione.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Benedetta Benedetti (foto Montesano/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: