Urlo Cadetti: 4x100 e Meduri tricolori!

07 Ottobre 2018

Vittorie per la staffetta con Faraglia, Morseletto, Capasso e Ulisse e per il saltatore in alto. Nei 1000 Bianchi d'argento e Roani di bronzo, terza Ginulfi nel pentathlon


 

di Lorenzo Bufalino

Tutti i risultati della seconda giornata dei Campionati Italiani Cadetti a Rieti che hanno laureato campioni d'Italia il saltatore in alto Alessandro Meduri e gli staffettisti della 4x100 Flavio Faraglia, Federico Morseletto, Jacopo Capasso e Angelo Ulisse.

CLICCA QUI - TUTTI I RISULTATI DEL WEEKEND TRICOLORE - IL RACCONTO DELLA PRIMA GIORNATA

MEDURI TERZA PERLA — Per il secondo anno consecutivo sulla pedana dell’alto cadetti a trionfare è un atleta della rappresentativa laziale. Dopo Pavoni quest’anno è toccato a Alessandro Meduri (ACSI Campidoglio) che dopo l’incoraggiante 2,00 saltato ai campionati regionali ha vinto il titolo italiano per la gioia dei compagni di squadra. Per lui il titolo arriva a quota 1,94 dove giunge con un percorso netto. Poi tre errori a 1,98. Questo è il terzo oro della rappresentativa laziale dopo Benedetta Benedetti e Federico Morseletto. 

STAFFETTA D’ORO — Non si poteva concludere meglio il campionato italiano in casa. Flavio Faraglia, Federico Morseletto, Jacopo Capasso e Angelo Ulisse non sbagliano un cambio e vanno a trionfare nell’ultimissima gara del campionato. Una staffetta perfetta con l’ultima frazione-monstre di Ulisse che porta il testimone laziale per primo al traguardo (43.57). Per le cadette invece arriva l’ottavo posto con Menichelli, Cirillo, Brugnoli e Velluti (49.71).

BIANCHI SFIORA L’IMPRESA — Personalità e determinazione hanno portato Flavia Bianchi (Giovanni Scavo 2000) ha sfiorare l’impresa nei 1000 metri. Nella serie dove c’erano i “peggiori” accrediti, la mezzofondista laziale prende subito l’iniziativa e conduce una gara d’attacco ed in solitaria. Per lei arriva il tempo di 3:01.40 con cui frantuma di tre secondi il precedente record. Nella serie più forte, le favorite si guardano fino alla campanella quando esplode la gara. Il titolo si gioca in volata e per meno di un secondo la Bianchi alla fine sarà seconda. Bene anche Carlotta Mosca (Fiamme Gialle Simoni) che arriva bene nella seconda serie dove è quarta concludendo così il suo campionato in quinta posizione finale.

PROVE MULTIPLE — Ieri era partita benissimo Giulia Ginulfi (Lib.Atl.CastelGandolfo-Albano) e dopo le prime tre prove si trovava in terza posizione grazie al 12.37/+0.8 negli 80 ostacoli, 1,47 nell’alto e il 34,15 nel giavellotto. In questa giornata è ripartita dal lungo, vicina al personale: un 4,86/-0.2 che le ha permesso di mantenere la terza posizione prima della gara finale, i 600 metri. Si difende con i denti e riesce a conquistare una splendida terza posizione finale con il punteggio di 3861 che rappresenta il nuovo PB. Al maschile Davide Zuliani (Atletica Latina 80) dopo la prima giornata era in decima posizione con 2004 punti grazie al 14.71 nei 100 ostacoli, l’1,68 nell’alto e il 32,08 nel giavellotto. Oggi ha iniziato con il lungo dove è atterrato a 5,94/+0.5 classificandosi nella specialità al quarto posto e recuperando posizioni. Nel disco, disciplina dove il pontino non è tra i migliori, ha perso punti ma nei 1000 finali si è riscattato concludendo nella top 10. Per lui il punteggio finale di 3823 e ottava posizione.

ROANI TERZO — Una gara intelligente quella di Mario Roani (ASD Latina 80) nei 1000 metri dove si fa trovare nel posto giusto al momento giusto. Attaccato al gruppo di testa, l’ultimo 300 metri è perfetto e risale il gruppo fino all’ultimo rettilineo dove conquista la terza posizione con 2:39.25. 

GIAVELLOTTISTI IN FORMA — Ancora buon Lazio anche nella pedana del giavellotto dove si piazzano tre atleti nei 10. Alessio Cappiello (Fiamme Gialle Simoni) è il migliore ed arriva quinto sfiorando il personale con 55,86. Ottavo arriva il buon Enthony Moretti (Faratletica) con 51,75 e nono Valerio Linari (Fiamme Azzurre) con 49,19.

SIEPI DA TOP 10 — Il settore mezzofondo del Lazio si conferma ancora tra i migliori di tutta Italia e nelle siepi se ne è avuta la riprova. Nella gara dei 1200 siepi cadetti Valerio Spalletta (Villa Gordiani G.Castello) lotta tra le barriere nei 3 giri di pista fino al sesto posto finale ottenuto con il nuovo personale 3:27.11. Bene anche la cadetta Federica Pansini (Fiamme Azzurre Giovani) che prova ad attaccarsi alle prime della gara ma non riesce per il forte ritmo. Si stacca dal gruppo e regge fino in quinta posizione con 3:59.32

ANTONIPIERI SETTIMA — Nell’asta cadette per il Lazio era molto attesa Luce Barbi (Area LBM Sport) accreditata della terza miglior misura con 3,50, lo scorso anno terza. La romana becca la giornata "no" e si ferma a solo 2,80 arrivando 12°. La migliore tra le laziali in gara è stata Camilla Antonipieri (Fiamme Gialle Simoni) che riesce a saltare 3,00 guadagnando così la settima posizione

RESTUCCIA AL PERSONALE — Nei 300 metri una finale B da protagonista per Marco Restuccia (Atl.Tiburtina) che corre una grande gara dal primo all’ultimo metro e dopo il miglioramento di ieri in batteria, si migliora ancora fino a scendere sotto i 37 secondi. Arriverà terzo della "finalina" con il tempo di 36.89. Sara Cirillo (Fiamme Gialle Simoni) parte forte e si trova in vantaggio sulle avversarie prima degli ultimi 100, peccato per i metri conclusivi quando le avversarie recuperano lo svantaggio su Cirillo e la superano. La laziale arriverà alla fine in quarta posizione nella Finale B con 42.54. 

300 OSTACOLI — Tanti laziali erano impegnati nelle finali B dei 300 ostacoli, sia al maschile che al femminile. Tra i cadetti bella gara in rimonta di Flavio Faraglia (Studentesca Milardi) che abbatte finalmente il muro dei 41 secondi scendendo a 40.88. Con questo tempo si piazza in 10° posizione assoluta (secondo della finale B) nella gara che vede arrivare nella stessa finale B Andrea Terriaca (ASD Latina 80) al settimo posto con 41.60. Al femminile Sara Meconi (Lib.Atl.CastelGandolfo-Albano) ha la meglio in Finale B sull’altra laziale in quota individuale Rebecca Ragni (Studentesca Milardi). Bella gara della Meconi che attacca sin dal primo ostacolo e chiude in 42.54.

GIAVELLOTTO CADETTE — Purtroppo brutta gara nella pedana del giavellotto cadette per Melania Efua Castello (Fiamme Gialle Simoni) che è andata incontro ad una inaspettata controprestazione. L’atleta alla vigilia ampiamente da prime otto, non è riuscita a trovare il feeling giusto e non ha fatto meglio del 30,00 che la posiziona in 14° posizione finale.



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate