Dna: Team Lazio secondo nella finale B

18 Settembre 2022

A Castellon una domenica di successi. Secondi nella "The Hunt", i laziali (Studentesca+Fiamme Gialle Simoni) registrano i successi di Brugnoli, della 4x400 mista, Castello, Capasso, Dentato e Fossatelli. Ottavi in classifica generale

 

di Christian Diociaiuti

Si chiude con il secondo posto nella finale B e, dunque, l’ottavo generale, l’avventura del Team Lazio a Castellon per la European DNA U20 Clubs. Stavolta “The Hunt” finale, la Caccia, il Lazio non la sbaglia prendendosi il secondo posto finale alle spalle della rappresentativa Playas de Castellon. Lucrezia Bianchi, Ernest Nicola Mulumba, Aurora Brugnoli, Francesco De Santis chiudono la gara decisiva della rassegna con il tempo di 4:59.00 (i vincitori avanti con 4:53.02), nella staffetta in cui i 600 vengono corsi da una atleta donna, i 400 da un uomo, i 200 da una donna e gli 800 da un uomo. Lazio che si era presentato alla gara finale da primo in classifica, con due secondi di vantaggio nelle partenze per la staffetta finale. Anche oggi lunghisti, saltatori in alto, pesisti e giavellottisti hanno affrontato dei veri faccia a faccia in cui contava fare meglio dell’avversario di turno per andare avanti; in pista tutte finali tradizionali. Va ricordato che il Team Lazio è nato per l’occasione dalla fusione della squadra maschile U20 della Studentesca Rieti e quella femminile delle Fiamme Gialle Simoni.

IN EVIDENZA – Successo nei 100 metri per Aurora Brugnoli che oltre a contribuire nella gara finale, vince la sfida regina in 12.03 (+0.7). E oltre al secondo posto nella “Caccia” finale, il Lazio ha vinto la 4x400 mista grazie a Godspower Santini, Sara Cirillo, Margherita Traversa Young, Gabrielangelo Brodone con il tempo di 3:42.40. Dopo un sabato da quarto posto, la giavellottista Melania Efua Castello vince nella sua specialità e arriva un 40,92 che è il nuovo pb. Nuovo successo per Jacopo Capasso: 21.91 per superare tutti nel mezzo giro di pista (vento -0.1). Successo negli ostacoli per Elisa Fossatelli, che in 14.60 (+0.9) sbaraglia la concorrenza su 100 con barriere. Si conferma anche Damiano Dentato: 14.43 per il punteggio pieno alla sua squadra (vento a -0.6); per Dentato anche un terzo posto nel giro di pista con barriere. Per lui c’è lo stagionale con 57.73. Secondo il pesista Gianmarco Di Filippo, che arriva a 13,83 nella finale per il primo posto, vinta da Javier Cruz con 15,02. Dopo il 5,85 di ieri, Greta Donato nel lungo si piazza seconda e il suo miglior salto è un 5,47 (-0.1). Quarto Matteo Lami nell’alto: la miglior misura di giornata è 1,84.

 

File allegati:
- Il sito della Dna


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate